Stampa questa pagina

I Cappuccini

I Cappuccini. Fonti documentarie e narrative del primo secolo (1525-1619). Seconda edizione, a cura di Vincenzo Criscuolo, Roma 2020. 18 cm, 1356 p., ill. (€ 35,00) ISBN 978-88-99702-17-5 

 

BSC106

Fra pochi anni l’Ordine dei Frati Minori Cappuccini avrà alcuni importanti appuntamenti con la storia. Come è noto, la nuova famiglia francescana vide la luce nei mesi di gennaio-febbraio 1525 con il tentativo di riforma di Matteo da Bascio, la cui opera fu legittimata con un breve della Penitenzieria Apostolica del 18 maggio 1526 e poi ufficialmente approvata dalla Sede Apostolica con la bolla pontificia Religionis zelus, indirizzata ai fratelli Ludovico e Raffaele da Fossombrone e promulgata da Clemente VII il 3 luglio 1528. Nel 2025 pertanto l’Ordine avrà l’opportunità di ricordare il quinto centenario della sua nascita e tre anni dopo, nel 2028, potrà solennizzare il quinto centenario della sua approvazione pontificia. Si tratta di eventi storicamente rilevanti, ai quali non è opportuno giungere impreparati.

Il presente volume, la cui prima edizione – pubblicata nel 1994 e da tempo esaurita – fu felicemente definita dal ministro generale emerito Flavio Roberto Carraro come “un piccolo mezzo di grazia”, può contribuire in modo appropriato alla preparazione di tali eventi. In seguito a numerose richieste, è stato ritenuto necessario approntare questa seconda edizione, che ricalca fondamentalmente lo stesso contenuto della prima, eliminando naturalmente imprecisioni e refusi e rispettando la medesima elegante e maneggevole veste grafica. Si intende così portare a comune conoscenza le fonti documentarie e narrative della storia dell’Ordine cappuccino nel primo secolo della sua esistenza, facendone emergere la particolare spiritualità e il carisma di assoluta fedeltà all’ideale francescano, che si incarna nei vari tracciati evolutivi della storia della Chiesa e del mondo e nei diversificati ambiti geografici.

Per quanto riguarda il contenuto, viene prima di tutto presentato un sintetico quadro storico sul primo secolo di storia dell’Ordine, seguito dalle fonti giuridico-legislative, quali la documentazione pontificia, le ordinazioni di Albacina e le costituzioni di Roma-Santa Eufemia, con alcuni interventi difensivi e con le prime lettere circolari dei superiori generali. Segue una silloge di testi estratti dalle prime cronache, trattando poi specificamente il ministero della predicazione cappuccina, l’assistenza caritativa verso poveri e malati e l’attività missionaria. Al termine viene dedicato ampio spazio alla santità cappuccina del Cinque-Seicento e l’espansione dell’Ordine in Europa, con un’ultima sezione riservata alla nascita e all’attività contemplativa delle sorelle cappuccine.

Sono sempre valide, anche per questa seconda edizione, le parole che Flavio Roberto Carraro rivolgeva ai suoi frati concludendo la presentazione della prima edizione: “Ora il volume è nelle nostre mani e dipende da ciascuno di noi fare in modo che anche questo piccolo mezzo di grazia porti il suo frutto. La formazione, nei suoi momenti iniziale e permanente, costituisce l’occasione nella quale i Superiori e i Formatori possono animare i fratelli all’incontro con questi testi che zampillano la freschezza pura e forte della nostra spiritualità, cammino sicuro nella via della perfetta Carità”.

ENGLISH: In a few years, the Order of Capuchin Friars Minor will encounter some important dates with regards to their history. As is known, a new Franciscan family broke forth in the months of January-February 1525 when Matteo da Bascio attempted a reform; his work was legitimized with a brief of the Apostolic Penitentiary of 18 May 1526 and then officially approved by the Apostolic See with the papal bull Religionis zelus, addressed to the brothers Ludovico and Raffaele da Fossombrone and promulgated by Clement VII on 3 July 1528. In 2025, therefore, the Order will have the opportunity to remember the fifth centenary of his birth and three years later, in 2028 will solemnize the fifth centenary of his pontifical approval. These will be historically significant events, which appropriately should be met with meticulous preparation.

This volume, whose first edition - published in 1994 - is long since sold out, was happily defined by the General Minister Emeritus Flavio Roberto Carraro as "a small means of grace". It can contribute appropriately to the preparation of these events. Following numerous requests, it was deemed necessary to prepare this second edition, which basically follows the same content as the first, eliminating, of course, inaccuracies and typos and respecting the same elegant and manageable graphic design. Thus, it is intended to bring to common knowledge the documentary and narrative sources of the history of the Capuchin Order in the first century of its existence, bringing out its particular spirituality and the charisma of absolute fidelity to the Franciscan ideal, which is embodied in the various evolutionary paths of history, of the Church, of the world and in diversified geographical areas.

As far as the content is concerned, a concise historical picture of the first century of the Order is presented, followed by juridical-legislative sources, such as the pontifical documentation, the ordinations of Albacina and the constitutions of Rome-Saint Euphemia, with some written defenses and with the first circular letters of the superiors general. A series of texts from the first accounts follows, then specifically dealing with the ministry of Capuchin preaching, charitable assistance to the poor and sick and missionary activity. Finally, ample space is dedicated to Capuchin sainthood in the sixteenth and seventeenth centuries and the expansion of the Order in Europe, with a last section reserved for the founding and contemplative activity of the Capuchin sisters.

From Flavio Roberto Carraro's address to his friars, the concluding words of his presentation of the first edition remain valid also for this second edition: “Now the volume is in our hands and it is up to each of us to make sure that even this little means of grace bears its fruit. Formation, in its initial and permanent stages, constitutes the occasion on which the Superiors and Formators can animate the brothers at the meeting with these texts which gush forth with the pure and strong freshness of our spirituality, a sure path in the path of perfect Charity ".

 

pulsante COPERTINA. right.bottom15.left20 copy

pulsante PDF. right.bottom15.left20 BLU

pulsante REVIEW. right.bottom15.left20 BLUpulsante BUY. right.bottom15.left20 BLU 

 

< altri libri