Stampa questa pagina

MHOMC 29

I Cappuccini e la Congregazione romana dei Vescovi e Regolari, vol. X: 1641-1646. A cura di Vincenzo Criscuolo. (Monumenta Historica Ordinis Minorum Capuc­cinorum, 29). Roma, Istituto Storico dei Cappuccini, 2004. 24 cm., 621 p. (€ 45) – ISBN 88-88001-21-2

 

MHOMC-29Prosegue con questo volume, decimo della serie e ventinovesimo della collana, la pub­bli­cazione del materiale documentario ancora inedito riguardante l'Ordine cappuc­cino, conservato nel fondo vaticano della Sacra Congregazione dei Vescovi e Regolari. L'ambito cronologico è racchiuso tra il 1641 e il 1646, e l'interesse documentario, in se­guito alle ampie competenze affidate al Dicastero romano, abbraccia tutti gli aspetti della vita religiosa, vissuta all'interno delle mura conventuali o espressa nella variegata e multiforme attività esterna, tenendo come punto fisso di riferimento la vita reale e il vis­su­to quotidiano dei frati. In questa ottica si situano i rapporti ufficiali con la gerarchia ec­cle­siastica centrale e diocesana, le relazioni con le altre compagini religiose maschili e femminili, la corrispondenza con le autorità civili e le varie amministrazioni comunali, i com­plessi rapporti e le relazioni interpersonali attinenti alla organizzazione e condu­zione della vita fraterna e agli impegni apostolici e missionari nella chiesa locale. Il con­te­nuto della presente documentazione, anch'essa variegata nelle sue espressioni e nei suoi generi letterari, riguarda le fondazioni di nuovi insediamenti o la traslazione di con­venti in zone piú appropriate con tutti i problemi relativi alla costruzione delle case e al­la recinzione della clausura, varie questioni istituzionali riferibili alla celebrazione dei ca­pi­toli provinciali e generali e alla riforma delle costituzioni, l'esercizio del ministero della predicazione e del sacramento della penitenza, l'assistenza e la cura spirituale delle clau­strali, oltre a numerose questioni relative all'abito religioso, alla pratica della questua, al­l'at­tività di cappuccini come esorcisti o diplomatici, allo studio della teologia e all'eser­ci­zio della medicina, alla comminazione di interdetti a chiese cappuccine, alla modifica di dis­posizioni testamentarie e ad alcune controversie in vari ambiti. Non mancano casi cu­rio­si, come una benedizione speciale contro il diavolo, la proibizione di bere il vino e l'es­plosione di una bomba in un convento cappuccino.

 

 

< altri libri