Print this page

BSC 83

Marie-Madeleine de Cevins, Les Franciscains observants hongrois de l'expansion à la débâcle (vers 1450 – vers 1540) (Bibliotheca seraphico-capuccina, 83), Roma, Istituto Storico dei Cappuccini, 2008, 688p. ill. – ISBN 978-88-88001-50-0 – € 48,00

 

BSC 083-cevinesVerso la metà del sec. XV il movimento dell'osservanza francescana, uscito dall'Italia, raggiunse l'Ungheria e, favorito pure dal ricordo del ruolo sostenuto dall'osservante san Giovanni da Capestrano nella battaglia che fermò per circa un secolo l'avanzata dei Turchi nei Balcani vi ebbe una rapidissima diffusione, arrivando presto alla costituzione di una grande provincia autonoma intitolata al Santissimo Salvatore. L'autrice del volume, nota per i precedenti numerosi studi sulla società e sulla chiesa ungherese del tardo medioevo, ricostruisce le vicende e le problematiche dell'insediamento e dello sviluppo della provincia religiosa, studiandone l'organizzazione, la vita quotidiana, l'attività pastorale, la posizione nella società e nella chiesa ungheresi, fino alla crisi dell'inizio del sec. XVI, che ne decretò a metà secolo un drastico ridimensionamento, dovuto all'avanzata turca, con la vittoria di Mohács nel 1526, ma anche al raffreddamento del fervore iniziale e al cedimento alla propaganda protestante. L'opera si avvale delle vaste conoscenze linguistiche dell'a., tra le quali quella della lingua ungherese, che permettono l'uso di abbondantissima letteratura e delle ricerche di archivio che offrono preziosa documentazione inedita, riportata in appendice. In appendice si trovano pure numerosi grafici, carte geografiche, tabelle sinottiche, illustrazioni ed elenchi che forniscono praticissimi sussidi riassuntivi.

 

 

< altri libri