BAM 10

Roberto Fusco, Amore e compassione. L'esperienza di Angela da Foligno (Bibliotheca Ascetico-Mystica, 10). Roma, Istituto Storico dei Cappuccini, 2001. 20 cm., 270 pp. - ISBN 88-8801-06-9 (€ 18,00)

 

BAM010Leggendo i testi di Angela da Foligno è spontaneo ricordarsi il detto di un pensatore russo: "Il cristianesimo non è una fede in Dio, – tali lo sono le altre religioni –; ma è la fede in Dio che si è fatto uomo". Per comprendere la nuova atmosfera della spiritualità francescana è molto utile fare conoscenza degli scritti di Angela da Foligno, e degli altri mistici del suo tempo, i quali furono capaci di vedere la gloria divina di Cristo non solo sul trono imperiale, ma anche nella piena umiliazione della sua passione e della croce. Per capire meglio la perfezione di Gesù che si manifesta sulla croce, i mistici di scuola francescana medievale sono un valido aiuto. Angela ne è esempio prezioso. Il mistero della croce costituì per lei il principale oggetto delle sue meditazioni, fino a divenirne l'unico, verso la fine della sua vita. Ma solo un lettore superficiale dei suoi scritti vi sospetta un dolorismo esagerato e unilaterale, che mette in disparte il lieto messaggio del Vangelo. Tali obiezioni, infatti, sono state pronunciate, ma ingiustamente. Ciò che Angela e questi mistici ammiravano in primo luogo erano le meravigliose vie della Provvidenza, dell'amore divino che si manifesta negli uomini e nel mondo. Seguendo questa ricerca, essi fecero una scoperta stupenda: questa Provvidenza d'amore non è soffocata neanche da ciò che la contraddice, cioè dalla passione, dalla distruzione dei valori umani, dalla morte. Dio con la sua forza, ma anche con la sua beatitudine, entra anche lì. Solo in quel senso la croce di Gesù può divenire "la forma di ogni perfezione".

 

 

< altri libri

Altro in questa categoria: « BAM 11 BAM 9 »