MHOMC 30

La visita generale di Giovanni Maria Minniti da Noto. Diario e Protocollo 1625-1631. A cura di Gabriele Ingegneri. (Monumenta Historica Ordinis Minorum Capuc­cinorum 30), Roma 2005. 367 p. (€ 20) – ISBN 88-88001-26-3

 

MHOMC-30Il volume si colloca sulla linea della pubblicazione dei resoconti delle visite che i ge­nerali dell'ordine cappuccino compirono ai frati secondo il prescritto della regola fran­cescana. La visita dei Giovanni Maria Minniti da Noto († 1631) fu la prima a rag­giun­gere tutte le circoscrizioni nell'Europa cattolica del tempo, fermata solo dalla morte quando restavano da raggiungere due sole province. Come è noto a chi conosce la col­la­na di Monumenta, il genere diario di viaggio sarebbe stato adottato da qualche segre­tario accompagnatore dei generali cappuccini soltanto successivamente, per cui questo codice contiene soprattutto corrispondenza. I principali corrispondenti del generale so­no il procuratore generale dell'ordine, Francesco Neri da Genova, e i superiori e frati del­le province dell'Italia meridionale, ma non esclusivamente, durante la visita. Nonostante la stringatezza dello stile del protocollo, possiamo incontrare diversi dei principali problemi che interessavano i cappuccini in quegli anni e alcune delle figu­re più rappresentative, ma il codice è importante pure per la conoscenza di moltissimi aspetti della vita dell'ordine attraverso lo scambio epistolare con moltissimi religiosi, co­me documenta l'indice dei nomi a fine del volume. Numerosi sono pure i contatti con le autorità ecclesiastiche. Sono riportati inoltre gli elenchi dei superiori eletti dai capitoli pro­vinciali di quegli anni e le patenti di predicazioni per i novelli predicatori dell'Italia me­ri­dionale. Per l'aspetto diaristico il susseguirsi dei luoghi di spedizione permette di ricostruire l'itinerario del lungo viaggio, durato più di cinque anni, attravreso l'Italia, la Francia, la Spagna, la Svizzera, l'Austria e la Germania del sud-ovest. Grande importanza rivestono pure le annotazioni logistiche e geografiche raccolte all'inizio e alla fine del volume, servite probabilmente a uno dei segretari del generale, Silvestro Pepi da Panicale, per la composizione del suo Atlante.

 

 

< altri libri

Altro in questa categoria: « MHOMC 31 MHOMC 29 »